Cosa vedere a Bruxelles in 2, 3 giorni

fine settimana a bruxelles

Bruxelles, capitale del Belgio è la meta ideale per un weekend non lontano dall’Italia e che potrà farvi scoprire un angolo europeo interessante.

Il nome della città è Brussel in olandese e Brüssel in tedesco e il fulcro urbano è sicuramente il centrale Comune di Bruxelles. Ecco le nostre dritte per organizzare il vostro soggiorno al meglio, anche se all’ultimo minuto.

Informazioni generali su Bruxelles

La città di Bruxelles ha origini remote e nello specifico il primo insediamento urbano del quale si ha notizia risale al VI secolo d.C. A fondarlo fu il vescovo di Cambrai perché ritenuto un punto strategico e di collegamento tra i centri di Colonia e Bruges.

Bruxelles fu residenza dei Duchi di Brabante e nel corso del XII secolo dei Duchi di Lorena. Tra le dominazioni straniere citiamo il Duca di Alba, spagnolo, Luigi XIV di Francia, Napoleone e la Corte d’Olanda.

visitare bruxelles

Bruxelles si trova ad un’altitudine sul livello del mare che oscilla tra i 13 e 23 metri, la sua superficie è di 161,38 km quadrati e gli abitanti sono circa 1.138.575.

Curiosità su Bruxelles

Ecco alcune chicche e curiosità che potranno permettervi di organizzare al meglio il vostro weekend a Bruxelles e che magari vi daranno gli spunti giusti per stabilire un itinerario ad hoc per i vostri gusti.

La città delle fontane

Bruxelles è un po’ una città delle fontane perché ne ha tantissime. La più famosa è sicuramente Manneken Pis, il famoso bimbo che fa pipì e che è costantemente preso d’assalto dai turisti per le foto di rito. In realtà però, la città ne ha altre decisamente affascianti e scenografiche anche per i vostri selfie.

bruxelles centro

Nella capitale del Belgio sono anche presenti fontanelle minori, vergine propri abbeveratoi, abreuvoir, tutte sormontate da statue particolari e tutte diverse. Si tratta delle creazioni di Jos de Decker e Jean Roig che prendono spunto dai dipinti di Pieter Bruegel il Vecchio, un pittore di origini olandesi e deceduto proprio a Bruxelles nel 1569.

Il cioccolato e la sua lavorazione

Bruxelles e in generale il Belgio sono anche patria del buon cioccolato, ritenuto uno dei più buoni al mondo. Nella cittadina troverete infinite botteghe, cioccolaterie e pasticcerie tipiche, ma una è assolutamente da visitare e dedicata ai bimbi e a tutti i golosi. Si tratta di Chocopolis, un negozio sito in Rue du Marché aux Herbes che ha il laboratorio a vista.

Il cane portafortuna di Bruxelles

Presso il Parco del Cinquantenario spicca la statua portafortuna Le Chien, il cane. La tradizione afferma che accarezzando una delle zampe della statua si attira a sé la buona sorte.

Cosa visitare a Bruxelles

La sede del Parlamento Europeo: merita certamente una visita e sicuramente istruttiva anche per i più piccoli e si trova ad Espace Léopold.

Il cortile dell’Hotel de Ville de Bruxelles: si trova nella via alle spalle del municipio ed ospita infinite specie di fiori e piante che sono un vero spettacolo da ammirare in piena fioritura a primavera, tra aprile e maggio per la precisione.

vista di bruxelles

La Mini Europa: un parco divertimenti che contiene anche questa chicca, molto simile alla nostra Mini Italia. Sono visibili, ovviamente riprodotti in miniatura, i monumenti più belli d’Europa e altri edifici generici in scala 1:35.

Per chi ama l’arte e la musica

Il Mont des Arts: è il complesso ad hoc per chi ama l’arte e vuole visitare più attrazioni in una sola volta. E’ stato creato tra il 1956 e il 1958 ed ospita gli edifici più belli di Bruxelles tra cui la Biblioteca Nazionale e il Palazzo dei Congressi, il tutto nei paraggi di Place Royale e Place de l’Albertine.

Il Musical Instruments Museum: detto anche MIM è situato in uno degli edifici più belli di Bruxelles e in perfetto stile Art Nouveau. Il palazzo dedicato agli strumenti musicali e alla musica ha anche un terrazza degna di nota e dove è possibile bere un aperitivo o un drink.

Per chi ama i fumetti

Il Belgian Comic Strip Centre: è la meta ideale per chi ama i fumetti, ma non solo. Pochi sanno che la città ha visto nascere alcuni tra i più famosi fumetti del mondo come Tin Tin e i Puffi e il museo è interamente dedicato a questo universo che ormai conta un’infinità di appassionati.

Cosa mangiare a Bruxelles

Le patatine fritte

Proprio così perché le patatine fritte sono nate in Belgio, come addirittura può testimoniare un documento del 1781. Era usanza dei pescatori del sud del Belgio friggere le patate tagliate a pezzetti e ora a Bruxelles sono una vera istituzione da non lasciarsi sfuggire.

moule et frites
Foto credit Jeremy Keith

Le moules et frites

Si tratta di cozze e patatine fritte, piatto tipico della città e i molluschi arrivano direttamente dalla Zelanda. Le cozze vengono stufate e insaporite nei modi più diversi a seconda dell’estro dello chef e del luogo, ma in via generale potranno essere accompagnate da salsa di pomodoro, aglio, birra, cipolla o vino bianco.

La birra belga

Altra vera istituzione in Belgio è la birra e ne esistono tantissime versioni. Per gli amanti del genere è d’obbligo assaggiarne almeno un paio in un weekend e le troverete praticamente dappertutto.

I gaufres o waffle

I famosi waffle, chiamati gaufres in Belgio e a Bruxelles ne troverete per tutti i gusti, da quelli tradizionali dolci fino alle versioni salate.

Dove dormire a Bruxelles

Bruxelles è sostituita da tanti quartieri, ognuno a sé stante e capace di caratterizzare il mood intero dell’area. Per chi vuole muoversi agilmente e senza perdere tempo consigliamo di trovare un alloggio in centro, più o meno in prossimità della Grand Place e non distante dalla stazione.

dove dormire bruxelles

Per chi cerca qualcosa di decisamente economico e vuole passare un weekend confondendosi tra i veri abitanti di Bruxelles consigliamo il quartiere Les Marolles.

Infine consigliamo anche la zona di Sablon, sede della Cattedrale di Notre Dame du Sablon e dove sorgono due delle più famose pasticcerie della città: Marcolini, famosa per le praline e Wittamer, la più antica.